www.smart-ideas.it

VENTURE CAPITAL & Co

Molto rumore stanno facendo sui media i collocamenti in Borsa di società ad alto potenziale (in particolare sul Nuovo Mercato europeo o sul Nasdaq americano) e cresce quindi l’interesse per le attività di Venture Capital, ovvero l’investimento in aziende non note ma ad alto potenziale vuoi per i servizi o prodotti offerti, vuoi per il mercato nel quale si trovano ad operare.

Allo scopo di inquadrare il fenomeno, si può cercare di rappresentarlo illustrando la sua "vita" così come viene di solito rappresentato dai testi specifici (cfr. Brophy, 1994).


Cinque sono gli stadi fondamentali in cui intervengono i finanziatori di un business:

    - Business idea

    - Seed investment o Start-up

    - Early stages/growth

    - Mezzanine investments

    - Maturity
    (con IPOs, cessione a terzi ovvero j/v con partner multinazionali)

Quattro sono tipicamente gli attori che intervengono:
    Gli ideatori
    Sono la persona o il gruppo di partenza che, sviluppando l’idea base, costruisce la prima cellula di azienda, autofinanziandosi o ricorrendo a prestiti bancari fiduciari e dedicandosi a tempo pieno all’impresa.

    I Business Angels
    Sono soggetti esterni all’impresa, dotati di forte autonomia economico-strategica, in grado di:
    • affiancarsi agli ideatori nella compagine societaria come soci e consulenti per gestire l’azienda in modo professionale, rischiando molto in prima persona

    • dare credito a fattori quali la qualità delle risorse, l’entusiasmo e la fiducia reciproca

    • apportare la propria esperienza e la propria rete di relazioni (con esperti vari, con il sistema del Venture Capital o con altri finanziatori).

    Intervengono nei primissimi stadi, quando l’investimento non supera il milione di Euro e l’azienda (virtuale o reale) deve iniziare a darsi una struttura vera ovvero a confrontarsi con il mercato in modo concreto e professionale (una delle tipiche carenze degli start-ups).

    Venture Capitalists
    Le società di Venture Capital istituzionale (ad es. 3I, Natwest Ventures, Pino Ventures, Convergence, …) intervengono solo nel capitale sociale e difficilmente prima del terzo stadio, in quanto preferiscono aziende già "consolidate", da potenziare con inserimento di manager professionali ovvero di capitali per sostenere lo sviluppo del fatturato e del capitale circolante.
    Si finanziano organizzando Fondi Chiusi (solitamente finanziati da Investitori Istituzionali) che si pongono chiari obiettivi di ritorno sull’investimento (dal 15 al 25% annuo). Lavorano quindi con un’ottica di crescita a medio termine, realizzando l’investimento nei 3-5 anni attraverso quotazione in Borsa o cessione a terzi.

    Le Banche d’Affari (e Investitori Istituzionali)
    Sono investitori diretti o rappresentano investitori istituzionali che ricercano realtà consolidate da valorizzare in cui:
    • fare ingresso come soci "a tempo"

    • far entrare aziende di maggiori dimensioni, dopo un’attenta ricerca anche a livello mondiale

    • preparare lo sbarco sui mercati finanziari (tipicamente IPOs, le quotazioni in Borsa)

    • organizzare operazioni finanziarie complesse (MBO, LBO, …)

    • diventare consulenti per operazioni finanziarie in genere (prestiti, obbligazioni, warrant, …)


barra di navigazione